Il Centro Galattico
  presentazione
ammassi aperti|ammassi globulari|globulari di Andromeda|nebulose|nebulose planetarie|galassie|ammassi di gx|gx Maffei
gx Hickson|gruppo di M81|compagne della 7331|catalogo di Messier|osservando sul campo|costellazioni|le mie osservazioni
  versione per smartphone  
(Per informazioni generali sulla nostra galassia clicca qui)
Il centro fisico della nostra Galassia, occupato dalla potente radiosorgente denominata Sagittarius A, non è osservabile otticamente a causa di una densa cortina di polveri spessa oltre 25000 anni luce frapposta lungo la nostra visuale; queste polveri sono tuttavia trasparenti per altre radiazioni dello spettro elettromagnetico, come le onde radio, gli infrarossi e i raggi X; il telescopio spaziale Hubble, ad esempio, grazie al rivelatore infrarosso NICMOS, è riuscito a penetrare questa cortina fumogena mostrandoci, 2 giganteschi e giovanissimi ammassi aperti fra i più grandi e i più densi di tutta Via Lattea, situati a soli 100 anni luce dal centro e che presentano una massa equivalente a oltre 10.000 masse solari. Quello di sinistra dell'immagine pubblicata, denominato Arches Cluster, è talmente denso che si è stimato che un parsec cubico contenga la bellezza di 40.000 stelle, valore di gran lunga superiore a quello presente al centro degli ammassi globulari (a titolo di paragone si consideri che M11, uno degli ammassi aperti più compatti, presenta una densità interna di "sole" 80 stelle per parsec cubico). Quello di sinistra, noto come Quintuplet Cluster, ha invece la particolarità di ospitare la stella più massiccia e luminosa di tutta la Galassia: la Pistol Star, scoperta agli inizi degli anni "90 da astronomi giapponesi, la quale ha una massa attuale attorno alle 100 masse solari. Considerata la quantità di materia prodigiosa che ha emesso nel corso di immani esplosioni avvenute attorno ai 5000 ani fa, è probabile che all'inizio la sua massa fosse addirittura pari alle 200 masse solari! Se non fossero presenti le polveri sarebbe visibile a occhio nudo come una stellina di 4ª grandezza: a quella distanza significherebbe una magnitudo assoluta di -10, all'incirca la magnitudo della Luna attorno al quarto, ma tutta concentrata in un punto! Entrambi questi ammassi, verosimilmente formatisi in seguito alla collisione tra due dense nubi di polvere e idrogeno molecolare che ha innescato la formazione di nuove stelle, sono destinati a disperdersi nel giro di pochi milioni di anni a causa delle forze mareali presenti nel nucleo galattico, ma al momento essi sono più luminosi di qualsiasi altro ammasso aperto presente nella nostra Galassia.
Ma cosa c"è esattamente al centro della Via Lattea? Si ritiene sia presente un buco nero supermassiccio, pari a 2.6 milioni di masse solari; non mancano certamente le teorie alternative atte più che altro a spiegare la debolezza dell'emissione X che mal s"accorderebbe con quanto misurato nel centro di altre galassie; si tratta ad ogni modo della teoria più accreditata, soprattutto dopo che l"astronomo Andrea Ghez dell'UCLA (l"Università della California di Los Angeles) ha osservato e misurato il movimento di oltre 200 stelle lungo il piano galattico che sarebbero influenzate dalla presenza di un fortissimo attrattore situato proprio al centro della Galassia.
È vero che un buco nero è per definizione invisibile, tuttavia i moti vorticosi di materia generati dal suo formidabile campo gravitazionale riscalderebbero la materia circostante a valori tali da generare un"emissione di raggi X caratterizzata, talvolta, da intensi flares, come quello ripreso dalla sonda Chandra e ben visibile nell'immagine qui riprodotta. Il buco nero, con ogni verosimiglianza, potrebbe essere anche responsabile di una violenta esplosione stellare avvenuta circa 10.000 anni fa — una ipernova — il cui resto, al pari della nebulosa del Granchio anche se in misura ovviamente molto maggiore, sarebbe sede dell'intensa emissione radio della sunnominata Sagittarius A.

N.B. — Le coordinate del Centro Galattico sono le seguenti: A.R. 17h 45.6m; Decl: -28° 56".

______________________________________________
Da Nuovo Orione, "Stelle e Profondo Cielo" (Agosto 2003).

Valid HTML 4.01!
 SAGITTARIO